Il questionario di Proust
18 marzo 2011 alle 11:51

Sulla falsa riga del sondaggio RSI ai candidati al CdS mi cimento anche io con il questionario di Proust!

  • Cosa sognava di fare da grande?
    Il postino o l’ingegnere meccanico, evidentemente non mi ero capito bene!
  • Non vivesse qui dove le piacerebbe vivere?
    A Edimburgo
  • Qual è il tratto distintivo del suo carattere?
    Testardo
  • Qual è il suo principale difetto?
    Troppo testardo
  • Quale qualità predilige in un uomo?
    La disponibilità (perché dovrei prediligere una qualità diversa da quella di una donna?)
  • Quale qualità predilige in una donna?
    La disponibilità
  • La volta che è stata/o più felice?
    Ogni momento di gioia ha un contesto diverso, non se ne può descrivere uno solo
  • La volta che è stata/o più infelice?
    Idem riferito alla tristezza
  • Personaggio storico preferito?
    Darwin
  • Personaggio storico detestato?
    Bruto
  • La frase storica che avrebbe voluto dire lei?
    È molto probabile che una tappa decisiva nel misterioso processo dell’evoluzione dell’uomo sia rappresentata dal giorno in cui un essere, che stava esplorando con curiosità il suo ambiente, fermò la sua attenzione su se stesso. (Konrad Lorenz)
  • Brano musicale preferito?
    I brani più infuocati di Scarlatti
  • Film feticcio?
    Le dîner de cons
  • I tre libri della sua vita?
    Che cos’è la giustizia? (Hans Kelsen), Destra e Sinistra (Norberto Bobbio), 1984 (George Orwell)
  • Sarebbe capace di uccidere qualcuno?
    La domanda (la cui risposta è scontata: no) è riduttiva. Bisognerebbe piuttosto chiedere: Sarebbe capace di chiedere a qualcuno di uccidere qualcun altro?
  • Che cosa, più di tutto, detesta?
    Che qualcuno giustifichi le sue azioni dicendo di seguire la Verità e non i suoi sentimenti individuali.
  • Di che morte vorrebbe morire?
    Rapida, facendo qualcosa di pazzesco
  • L’errore che non rifarebbe?
    Provare una motocicletta troppo difficile per me…
  • Il capriccio che non si è ancora tolta/o?
    Comprarmi un libro di architettura veramente costoso
  • Bagno o doccia?
    Doccia steso in una vasca da bagno
  • La volta che si è sentita/o fiera/o di essere ticinese?
    La fierezza non è un sentimento che mi appartiene molto.
  • La volta che si è vergognata/o di essere ticinese?
    Io sono ticinese, perché dovrei vergognarmene? Al massimo posso non essere d’accordo con i miei concittadini, ma quella è un’altra storia.

Categoria: news, su di me
Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *